Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Flag Asteroids


Perché studiare asteroidi?

Gli asteroidi sono gli oggetti più numerosi del sistema solare. Fino ad oggi centinaia di migliaia di asteroidi sono noti e centinaia di nuove scoperte avvengono ogni giorno. Il numero totale di asteroidi conosciuti è elevato ma si sa molto poco sulle proprietà fisiche dei singoli oggetti. Per la maggior parte degli asteroidi si conosce solo la dimensione, mentre altri parametri fisici (la forma, il periodo di rotazione, la direzione dell'asse di rotazione, ...) sono noti solo per poche centinaia di oggetti.

Poiché i dati fotometrici sono in genere sparsi nel tempo, il periodo di rotazione (il parametro di base fisico) non è direttamente visibile nei dati e quindi questi dati vanno elaborati per trovare la soluzione migliore. In alcuni casi l`elaborazione dell'inversione della curva di luce è molto complicata sotto l`aspetto computazionale e il calcolo distribuito è un ottimo metodo per esaminare migliaia di asteroidi. Le curve di luce classiche rappresentano un periodo "visibile" mentre con altri dati il tutto deve essere scansionato intensamente. Questo fatto aumentare sensibilmente il tempo di calcolo e l'unico modo pratico per gestire in modo efficiente la fotometria di centinaia di migliaia di asteroidi è quello di utilizzare il calcolo distribuito. L'algoritmo è basato sul metodo di inversione curva di luce sviluppata da Kaasalainen et al. (2001, Icaro 153, 37). Il problema è ideale per la parallelizzazione, il periodo di intervallo può essere diviso in parti più piccole che vengono analizzate separatamente e quindi i risultati sono unite insieme.

In futuro, possiamo aspettarci ancora più dati provenienti dalle apparecchiature che sono già operanti (PanSTARRS) o in costruzione (Gaia, Large Telescope Synoptic Survey o LSST).

La discrepanza tra il numero enorme di tutti gli asteroidi conosciuti e il piccolo numero di quelli con parametri di base fisiche noti (forma, rotazione, periodo) è una motivazione per ulteriori ricerche. Conoscendo le proprietà fisiche di una parte significativa della popolazione asteroidale è un passo avanti per comprendere l'origine e l'evoluzione del sistema solare.

L`emissione termica di asteroidi di piccole dimensioni può variare in maniera significativa la loro orbita (effetto Yarkovsky), questo può essere determinante per predire la probabilità di collisione con la Terra. Per poter calcolare come l'emissione termica influisce con l'orbita, dobbiamo conoscere la rotazione (e anche la forma) dell'oggetto.

Obiettivi scientifici

L'obiettivo del progetto è quello di scoprire forma e rotazione per una parte importante della popolazione di asteroidi. Come dati di “input” usano qualsiasi fotometria asteroide che è disponibile. I risultati sono modelli di forma asteroidi convesse con la direzione dell'asse di rotazione e il periodo di rotazione. I modelli saranno pubblicati in riviste specializzate e poi resi pubblici nel database DAMIT.

Ecco i primi risultati del progetto:

Antonia   Nuwa

Presentazione in PDF del progetto al 44esimo meeting della divisione scientifica planetaria dell`associazione americana astronomica LINK



Per commentare questo post nel forum devi effettuare il login

Articoli

Written on 11/02/2019, 11:13 by boboviz
boinc-workshop-2019Anche quest'anno si terrà il Boinc Workshop, dal 9 al 12 Luglio a Chicago. La partecipazione è libera e gratuita.

Ultime dal Blog

Written on 19/06/2017, 14:38 by boboviz
addio-lugano-bellaCari sodali scaccolatori,come alcuni di voi sanno, il sottoscritto, oltre ad essere appassionato di Boinc, è anche "appassionato" di HPC e, visto che il...